IndiceFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividi | 
 

 L'ARIETE

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Lori

avatar

Numero di messaggi : 178
Etą : 38
Data d'iscrizione : 30.06.07

MessaggioTitolo: L'ARIETE   14/09/08, 08:01 pm

L'ARIETE





Il segno dell'Ariete apre il ciclo zodiacale. Si erge dalle nebbie e dalle acque dei precedenti Pesci in un'esplosione di vita, di nuova vita, di fresca e potente energia.
Rappresenta la nascita, assumendo percio' carattere individuale.
Marte infonde una straordinaria forza, forza di azione e reazione tese all'esterno; Plutone inserisce potenza inconscia e capacitą di rinascita risorse personali profonde da utilizzare nella lotta contro la morte, contro il ritorno allo stadio di annullamento dell'Io nei Pesci.
Su questo terreno carico di promesse si erge l'esaltazione del nostro luminare: il Sole.
L'energia primordiale della vita, degli inizi, del big ben, rivive nel segno dell'Ariete i suoi primi attimi di esistenza, quando scaturi' da un'esplosione che diede origine all'universo.

L'Ariete č carica aggressiva, coraggio, difesa del proprio Io contro cio' che sta all'esterno. Si sente unico, non in senso qualitativo come il Leone, ma in senso quantitativo: l'unico esistente, il primo e l'ultimo.

La sua personalitą č autonoma, non necessita di appoggiarsi ad altri, non ha bisogno di vivere in simbiosi. Anche quando le apparenze sembrano mostrar un Ariete dipendente dalle persone che lo circondano, se si guarda attentamente si scoprirą che in realtą benchč perfettamente integrato in un gruppo sociale conserva sempre un distacco egocentrico per la prominenza data ai propri credi e alla propria personalitą: alle proprie regole, spesso moralistiche, non rinuncia.

L'Ariete recita una parte che non sa nemmeno lui di recitare: impersona continuamente il big ban, l'energia maschile della coppia nitroglicerinica Marte-Plutone, e rinchiude percio' nei meandri della propria coscienza la parte femminile di sč stesso, quella a cui tende a sfuggire continuamente e che considera debole e intralciante.

Plutone nel segno fa si' che per carburare la carica marziana nella lotta della vita, l'Ariete releghi nell'inconscio la consapevolezza della precarietą della propria forza, e la paura. Ma č proprio dall'inconscio che poi arrivano subdoli quei dubbi sulla propria identitą che lo fanno tanto scattare in una nuova manifestazione esplosiva, a sč stesso e all'ambiente che lo circonda, della propria carica vitale.
L'Ariete cerca di non pensare ai propri timori, anzi, non pensa proprio, si rifiuta, agisce e basta e chi s'č visto s'č visto..andrą come andrą.
Se da un lato Plutone serve a mettere in sordina i dubbi sulla propria identitą ma procura comunque sensazioni sinistre (che non sono poi altro che sensazioni di pericolo di annullamento, di morte, presenti in tutti segni in cui č coinvolto il pianeta), dall'altro pero' regala la capacitą di risorgere sempre dalle proprie ceneri: "domani č un altro giorno" č una frase che calza a pennello per il primo segno dello zodiaco, che dopo ogni disfatta, dopo ogni muro sfondato a cornate č pronto a ripartire da zero, a tirar giu' a testate il prossimo ostacolo..e sempre con lo stesso fresco entusiasmo donato dalla presenza del Sole.




L'Ariete, come il Leone, č uno sprecone in termini energetici: il suo surplus di forza lo porta a utilizzare troppa carica, ad esagerare, per poi spegnersi bruscamente in attesa di ricaricarsi. Marte lo rende precario e instabile, va a fasi alterne proprio come la sessualitą maschile, ha un andamento turbolento: prima si lancia all'arrembaggio, poi, dopo aver esaurito le riserve energetiche, necessita di intenso riposo.

Questo segno e le sue dinamiche sono cosi' fondamentali nel nostro sistema zodiacale patriarcale che cio' che cade nei suoi 30 gradi assume spesso una certa rilevanza in qualsiasi tema natale: un mercurio in ariete o una terza casa per esempio possono indicare impulsivi e rapidi contatti sociali gestiti magari con una certa spacconeria, seguiti da bruschi tagli da cui poi bisogna ripartire da zero per ricostruirsi un ambiente sociale, mentre un'undicesima ne traslerą il significato sulla cerchia delle amicizie. Una casa 4a o una luna in ariete indicano frequenti o improvvisi cambiamenti di casa, oltre che una dimora tenuta spartanamente (per non dire disordinatamente), piu' come magazzino temporaneo o albergo che come abitazione vera e propria. Una sesta casa presupporrą che la salute venga molto abusata o trascurata ma nel caso si cada ammalati ci saranno recuperi rapidissimi. Per un' 8a invece l'accento cadrą sulla gestione e sul possesso dei beni mobili, sul denaro liquido, che si presenteranno precari e impulsivi, dove spesso, se il tema lo consente, non permetteranno di vedere intestate le cose a proprio nome oltre al fatto che i flussi di denaro subiranno degli sconcertanti alti e bassi dovuti anche a scialaquaggio selvaggio.

Il concetto di nascita espresso nell'introduzione ci riporta all'individualismo marcato di questo segno: a livello simbolico percepisce solo sč stesso, lui č completo, cio' che sta attorno al proprio Io č superfluo, secondario, l'Ariete non desidera prenderlo in considerazione, perchč cio lo obbligherebbe a un processo dialettico, a dover tener conto delle due facce di una medaglia e questo per lui che ama lo scatto, la partenza, la propulsione verso qualcosa (che cosa non sa nemmeno lui, l'importante č scattare..) č deleterio per la riuscita dei propri propositi. Il fermarsi a riflettere, ad usare la logica, toglie tempo prezioso, tempo che in un passato preistorico avrebbe sancito certamente il vivere o il morire, il riuscire a scappare da un predatore o venire divorati oppure il riuscire catturare fulmineamente la preda in una battuta di caccia o lasciarsela sfuggire morendo cosi' di fame. L'Ariete, dominato da Marte, č azione, riflessi mentali e fisici, subitaneitą, č istinto aggressivo in difesa di sč stessi. E' sbrigativo, impaziente, veloce, irruente spesso la spacconeria non gli fa difetto.

L'Ariete č solo, si sente autonomo, ma la sua non č la solitudine dei Pesci o del Capricorno o dello Scorpione.
La sua solitudine č da intendere in un altro senso: l'Ariete, per sč stesso, č inizio e fine del proprio mondo, č Padrone della propria vita, non vuole appoggiarsi agli altri perchč crede di essere in grado di fare tutto da solo. E' spesso testardo nel volersi arrangiare da sč (combinando spesso guai) in quello che crede di saper fare. E' l'uomo delle caverne che ha imparato a sopravvivere da solo, ad accendersi il fuoco per scaldarsi, a ripararsi, a cacciare, a razziare e ad evitare i pericoli, non ha bisogno di nessuno: č lui l'uomo che non deve chiedere mai.
Non esiste quindi il concetto di confronto dialettico, confronto con altre individualitą, tanto capaci se non superiori all'Io arietino, tanto nel giusto quanto esso.
Purtroppo pero' la vita esige di dover affrontare l'esistenza degli Altri e da questa cosa nasce l'ansia di competizione che tanto caratterizza il nostro Ariete: lui vuole essere il primo, nessuno deve eguagliarlo o surclassarlo, nessuno deve osare porre in discussione la sua forza e le sue qualitą o mortificare il suo primato mettendolo in ridicolo.
E' il primo, č il capo o cerca di esserlo, anche se poi sebbene abbia l'energia peresserlo non ha la capacitą di pensare anche per gli altri e mettersi nei loro panni comprendendone i pensieri ed incarnandoli come farebbe un vero leader. In una societą monarchica del passato piu' che Re, sarebbe la punta di diamante dell'esercito, il guerriero piu' esperto che non conosce la paura e che combatte impavido per il proprio monarca contro i nemici del proprio regno: sarebbe l'Eroe, colui che si scaglia senza pensare troppo, sacrificando anche la propria vita, che si abbatte sulle canaglie che minacciano le terre del proprio signore, sui criminali che attaccano per puro gusto di far del male e di razziare.




La permalositą qui č la piu' grande fra i 12 segni dello zodiaco e scaturisce dalla paura di venir sottostimato, di venir retrocesso nella perenne gara competitiva in cui sente di essere eternamente in gioco.
L'immediatezza delle sue reazioni, ereditą ancestrale per la lotta di sopravvivenza, lo fa scattare subito anche in queste situazioni, ognuno con le proprie modalitą: c'č chi sferra un pugno sul muso all'avversario e chi invece grida con veemenza insulti a chi ha osato accarlo, chi invece reagisce "solo" con parole taglienti e "a muso duro".
Cio' che comunque detesta piu' di ogni altra cosa sono gli attacchi laterali, sguscianti, subdoli, non diretti, perchč non gli rendono possibile caricare tutta la sua forza su un obiettivo solo e sfondarlo. Le coltellate nella schiena lo lasciano a terra sanguinante, anche se solo per breve, perchč i colpi bassi non gli permettono di vedere di fronte a sč l'avversario, di affrontarlo a viso aperto. Si sente perso e carica alla cieca facendo spesso ingenti danni, anche a sč stesso.
Contrariamente al Leone pero', altro segno che vuole vedere in faccia il nemico e che spesso "salta per aria" in presenza di nemici tattici, l'Ariete si riprende sempre, non ci sono sconfitte eterne e anche gli attentati al proprio orgoglio e alla propria buona fede non fanno altro che rinfocolare la voglia di rivincita. Qualunque maremoto debba affrontare si rimette in piedi, grazie alle risorse plutoniche, e rinizia a costruire da zero, senza rimanere inutilmente ed eccessivamente legato al passato e all'amarezza delle proprie perdite.
"Me stesso nel presente č cio' che conta". Ha questa frase in testa.
L'Ariete č come un bambino che casca e poi si rialza subito, e comunque bambino, infantile, nella struttura della personalitą lo č sempre un po', altrimenti non riuscirebbe a ricominciare le proprie imprese dopo ogni delusione con rinnovata esuberanza ed energia. Gli entusiami quasi infantili in questo segno sono frequentissimi e gli fanno spesso guadagnare la simpatia della gente.
Infatti nella vita attuale,dove l'uomo delle caverne si č trasformato nell'uomo moderno, benchč la carica aggressiva coesista sempre con l'educazione alla socialitą, si nota spesso che l'Ariete, a causa della sua estrema semplicitą psicologica, finisce per diventare ben accetto e ben tollerato dai suoi simili. Anzi, la sua solaritą dovuta all'esaltazione del Sole, quando non offuscata dall'aggressivitą, gli regala molti successi sociali.
Ispira fiducia alla gente nonostante la frequente lunacitą caratteriale causata dalle burrasche marziane, e le gaffes imprevedibili.
Anche se il segno che dovrebbe incarnare i valori della convivenza civile basata sul rispetto e sulla pace č l'opposta Bilancia, l'Ariete spesso diffonde armonia e buon umore nell'ambiente.

La sua forza viene riservata per scopi piu' nobili che le battaglie sociali, dov l'Ariete in fondo č ingenuo: le schermaglie subdole, le trame torbide, le vie indirette e la cerebralitą necessaria per servirsi di queste cose, in definitiva lo infastidiscono nel migliore dei casi e lo disgustano terrorizzandolo nel peggiore. Non č un maestro di diplomazia e sebbene ci siano tanti Ariete che sembrano molto tranquilli, si tratta piu' che altro di rispetto per gli altri e delle regole sociali che di abilitą diplomatica che ha un fine, una mira e che rappresenta un modo di comunicare. L'Ariete puro si incazza e non ci penserą due volte a mandare al diavolo il Nemico, colui che lo ha in qualche modo sfidato e che non ha immediatamente riconosciuto il suo valore, oppure che si č dimostrato infido e senza spina dorsale attaccando alle spalle.


L'ARIETE E IL RISPETTO DELLE GERARCHIE E DEI RUOLI

La violenza arietina rappresenta qualcosa di molto potente ma anche di molto semplice ed immediato. Le sfuriate degli appartenenti al segno lasciano il tempo che trovano, anche se possono impressionare, e spesso fanno si' che i soggetti, svuotati dalle energie negative che hanno gią riversato all'esterno, non serbino troppo a lungo rancore.
La carica violenta pero' ha sempre bisogno di un obiettivo su cui scaricarsi, su cui abbattersi, di una provocazione. E questo puo' spesso rappresentare un problema di contenimento quando invece le situazioni richiedono temperanza. L'Ariete diventa il primo nemico di sč stesso, la sua impulsivitą distrugge tutti gli obiettivi che si č posto perchč andando a sbattere contro le altre individualitą vorrebbe sopraffarle.
Quando pero' riesce a superare l'ostacolo rappresentato dalla sua stessa ostinazione e irriflessivitą, e si accorge che non tutte le persone piu' forti di lui sono decise a farlo fuori: in quel momento nasce una profonda ammirazione per la superioritą altrui. L'Ariete allora cercain tutti i modi di guadagnarne il rispetto, di seguirne le orme cercando di imparare il piu' possibile e di emularne le gesta. Ma soprattutto diventa l'obbedienza fatta a persona, rispetta gli ordinidall'alto con zelo ed entusiasmo. E se ci dovessero essere dei litigi verrebbero subito superati dalla mancanza di memoria del segno.

L'Ariete, assieme al Leone, a livello idealistico č uno tra i segni piu' fedeli, sebbene piu' impetuoso. Il rispetto che nutre per le regole sociali, con la tendenza al perbenismo, non ha niente da invidiare a quello dell'opposta Bilancia.
La sua energia riesce a venir alla fine incanalata proprio dalla figura di un maestro, di un'autoritą, di un padre, sempre visti sotto una luce quasi divina in certi casi.
La sua forza viene addomesticata attraverso la disciplina, attraverso anche lo sport per esempio.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Lori

avatar

Numero di messaggi : 178
Etą : 38
Data d'iscrizione : 30.06.07

MessaggioTitolo: Re: L'ARIETE   14/09/08, 08:25 pm

ASSE ARIETE-BILANCIA

A questo punto nasce anche un paragone con il segno opposto: la Bilancia vorrebbe armonia, pace, equilibrio e simmetria, e per raggiungere questi valori č capace di "spingere" le situazioni lentamente, piano piano, attraverso una minuziosa opera diplomatica e dialettica, servendosi anche della legge.
Il rispetto per le regole č piu' che alto rispetto delle apparenze al fine di evitare di sbilanciarsi troppo a favore di una parte.
Tuttavia proprio questo atteggiamento "di spinta" suggerisce che non rispetta lo status quo ma lo vorrebbe cambiare, manipolare per raggiungere un nuovo stato ideale al di fuori di sč stessa.
Nel fare cio' si dimostra quindi anarchica e disubbediente alle regole, oltre che istigatrice silenziosa all'insubordinazione nei confronti di un'autoritą dittatoriale che secondo lei non garantisce uguaglianza di diritti a tutti. Ma il suo modo di fare non č diretto, č laterale, come vuole Venere in domicilio,e Saturno la sostiene con le proprie capacitą dialettiche, di sdoppiamento (talvolta anche di doppiezza) per riuscire a soppesare entrambi i lati della medaglia. Saturno fa' le leggi ma al tempo stesso, in Bilancia, crea anche i cavilli per girarle a favore ed in difesa di un ideale supremo; il pianeta si presta a trovare un modo per imporre tali leggi ed usarle come arma verso la stessa autoritą (non piu' riconosciuta come tale), rappresentata da un singolo o da singoli che si sono resi colpevoli di individualismo sfrenato e di autoritarismo. Questo al fine di ribilanciare gli squilibri di potere in cui si puo' incorrere.
Ma non c'č un inchino alle gerarchie in quanto tali, non c'č nessuna fiducia cieca nell'uomo (tranne in un ristretto gruppo elitario - X in domicilio secondario). Piuttosto siamo di fronte ad un asservimento ad un ideale supremo, qualcosa di teorico in definitiva.

L'Ariete invece, nonostante la sua carica di violenza spontanea e le tendenze marziane allo scontro, ha un naturale rispetto dei superiori. Li idealizza talvolta. Ha orrore dell'anarchia e crede nella figura di un capo.
C'č quindi un asservimento a qualcosa di diretto, fisico. L'Ariete ha un'apparenza aggressiva, ama profondamente la forza e le sue manifestazioni, adora la velocitą e la decisionalitą fulminea andando per questo incontro ad errori di arbitrarietą.

Ma č proprio il concetto di arbitrarietą che gioca prepotentemente il ruolo di protagonista sull'asse Ariete-Bilancia: la Bilancia non si concede sbagli dovuti all'arbitrarietą, tutto deve essere perfetto e bilanciato, proporzionato..e cosi' non concede nulla di piu' di quello che č giusto.
Quel che vale per uno deve essere valido anche per tutti gli altri. Nessuno č superiore a nessuno.
L'Ariete invece, con i suoi squilibri e la sua incapacitą a misurare, decide in base a cio' che per LUI č giusto, ma proprio per questo, se ha scelto di dare, č in grado di dare agli altri molto piu' del segno opposto, in un grandissimo impeto di generositą estroversa; anche piu' di quello che tali altri si meritano effettivamente.
In definitiva per riassumere,l'Ariete da tutto o niente, mentre la Bilancia piu' che dare concede senza eccedere.



L'UOMO ARIETE





L'uomo del segno quasi sempre spicca tra la folla, difficilmente rimane anonimo con i suoi modi di fare che attirano l'attenzione anche quando non ne ha l'intenzione.
Non č l'esibizionismo voluto, cercato e studiato spasmodicamente dai Gemelli, nč la teatralitą leonina che ha lo scopo di attirare gli sguardi di un pubblico, di stupire e di comunicare.
L'Ariete č IL personaggio, č caratteristico, quasi pittoresco, ma non se ne rende conto completamente, e quando se ne accorge dapprima rimane stupito, si intimidisce e si insospettisce immediatamente, diffidente com'č; poi si sente orgoglioso, fiero di essere considerato il Primo, l'Unico, l'Inimitabile, anche se in fondo non ha ben capito come cio' sia accaduto. Sa solo che facendo esplodere la sua carica marzian-solare ha attirato sguardi di ammirazione.
Ed č proprio questa carica che lo rende subito riconoscibile come Ariete ad una prima occhiata: ha troppa energia, scatti muscolari improvvisi, inconsulti,forza fisica in eccesso e difficile da addomesticare, i movimenti sono secchi, violenti e decisi, potenti ed imprevedibili ma non nevrotici e ripetiti come quelli della Vergine.
Alcuni appartenenti al segno faticano talmente a contenersi che nel loro scalpitare e muoversi convulsamente in una nuvola di confusione somigliano a dei cavalli selvaggi imbizzarriti. Usa troppa forza per fare qualcosa che ne richiederebbe 10 volte meno.
Se puo' prendere una cosa poco distante da sč con un semplice gesto, finisce che fa turbinare tutta la stanza facendo volare fogli e vibrare i tavoli nell'impeto di afferrarla.
Solo col passare del tempo, con l'etą, impara ad addomesticarsi..anche se non per tutti accade..

Ma la frenesia energetica non si ferma alla sfera fisica; include anche quella mentale: a meno di pesantissime lesioni dal segno della Bilancia, o un ascendente in quel segno, l'Ariete č veloce anche nel parlare (ma senza avere la parlantina febbrile gemellare o quella ridondante sagittariana), pronto nel rispondere, ha una mente reattiva, sempre in difesa, vigile nel caso di un (pseudo)attacco alla propria persona e sempre pronta a caricare le situazioni con la propria simpatica spacconeria.

In genere in amore č molto passionale, si infiamma per le persone che gli danno filo da torcere perchč ama la conquista, non le cose facili, altrimenti si spegne in fretta. E' molto facile quindi trovarlo legato "finchč morte non ci separi.." a donne dal carattere forte ma che sovente accettano di star al proprio posto dando prova di femminilitą tradizionale.
L'uomo Ariete ha comunque una carica di violenza, che č facilmente gestibile dagli altri pero' perchč di base č un tipo semplice, quasi infantile sotto certi aspetti, e si riesce facilmente a scoprire l'interruttore di tale fonte di energia.
In ogni caso desidera sempre portare i pantaloni, credere di condurre il gioco, perchč č un segno patriarcale: desidera rispettare i ruoli tradizionali.
Come la donna del segno non ama molto i sotterfugi in campo amoroso: quando č preso da una persona si dichiara presto mostrando le sue intenzioni e la sua passione in maniera chiara e diretta.
Non bisogna pero' credere che siamo di fronte ad una tipologia "tutta azione e niente sentimento": tutto il contrario.
L'Ariete, come gią detto in precedenza, tenta di nascondere la propria parte femminile, di rigettarla perchč ha paura di passare per debole.
Ma non ci riesce a causa della sua condotta discontinua, altalenante, della sua incapacitą di essere costante; non č il Capricorno che grazie a Saturno, sa imporre a Marte, con ferrea determinazione e costanza, di schiacciare ogni tentazione di far del bene gratuitamente e indiscriminatamente tagliando ogni empatia.
Il primo dei segni finisce per far emergere, sotto i modi bruschi e caporaleschi, anche delicatezza d'animo autentica, di cui sa dar prova in certe circostanze, anche se risulta incostante in tutto cio'.
La generositą solare dell'esaltazione del Sole fa il resto e il risultato č che l'Ariete, nonostante l'impossibilitą ad abdicare al proprio individualismo sfrenato, risulta essere uno dei segni zodiacali piu' umani e dal cuore sincero.



LA DONNA ARIETE





La donna del segno č generalmente una donna tutta d'un pezzo, forte, resistente ed energica.
Anch'essa individualista ed accentratrice come l'uomo, deve pero' afforntare il problema della presenza di tutti e tre i pianeti maschili (Marte-Sole-Plutone), oltre che dell'elemento fuoco, maschile anch'esso.

Non č certamente una situazione facile per la femminilitą, questa, in quanto se da un lato spinge a vivere con una carica fortemente attiva in senso mascolino dall'altra suscita una certa nostalgia ed un tentativo di recupero del mondo femminile rappresentato innanzitutto dal segno del Cancro, sede lunare e venusiana, e dell'opposta Bilancia, terra di Venere e di X.
Inoltre, come per l'uomo Ariete, c'č un forte rispetto della tradizione e dell'ordine sociale, dei ruoli.
Quindi la donna sarą combattuta tra l'essere padrona di sč stessa e della propria vita con piglio marziano e l'uniformarsi all'idea che il maschio sia piu' forte della femmina.
L'energia di cui dispone poi non la rende molto atta alla passivitą, ad adagiarsi sui cuscini ad aspettare che gli altri si diano da fare al posto suo (salvo casi particolari).

Sarą quindi l'insieme del tema a suggerire quale delle due tendenze prevarrą sull'altra, anche se magari nel corso della vita possono manifestarsi entrambe in momenti diversi. Ci troveremo quindi di fronte donne Ariete che si comportano da veri Boss, delle cosidette maschiacce, dirette e rumorose, oppure a delle Arieti che sembrano il ritratto teorico delle Bilance, insicure all'ennesima potenza e solo desiderose di assecondare gli altri senza produrre troppi attriti.

C'č comunque una peculiaritą che accomuna le Arieti e che consiste nel porsi come prima donna di fronte al mondo maschile: tendono a mettersi in evidenza, anche solo a livello di amicizia, attirando l'attenzione e la benevolenza degli uomini nei loro confronti.
Questo capita anche per la seconda caratteristica: lo spirito di solidarietą con il pensiero maschile. Infatti benché la donna Ariete vivrą sempre un certo conflitto latente con sč stessa come indicato sopra, non usurperą mai il posto dell'uomo nell'ordine sociale, ma sarą sempre solidale, possedendo sempre un'innata capacitą di comprensione di tale mentalitą.

Agli occhi del mondo maschile appare come la donna che non ha le tipiche paranoie delle femmine, č l'amica solare e divertente che non critica seriamente ma solo per scherzo, che non č fragile, lamentosa, complicata e pettegola come le altre, che non si aspetta l'aiuto degli uomini ma cerca prima di cavarsela da sola, che č fedele e si prende
fino in fondo le proprie responsabilitą, e che preferisce essere solidale con essi piuttosto che con l'universo femminile.

Tuttavianon bisogna cadere nell'errore di credere che essa sia favorevole a tutti i rappresentanti del sesso opposto: nessuna donna disprezza piu' di lei chi non possiede una vera mascolinitą, cioč gli insicuri che mascherano la propria insicurezza dietro il maschilismo piu' becero, i vigliacchi, gli sbruffoni, i bugiardi, i codardi, i boriosi, i complessati e i sottomessi.

Infatti non lesina critiche pungenti, tinte del moralismo che pervade il segno, a quei rappresentanti che non sono all'altezza del loro ruolo.

Discorso a parte per i suoi rapporti con il mondo femminile: qui entriamo in un terreno minato in quanto seppure a parole l'Ariete si professa pronta a sostenere la bandiera del femminismo, nella pratica, come l'uomo del segno vuolesentirsi l'Unico e il Primo, lei vuole appropriarsi del ruolo di Unica e Prima Donna.
Unica e individualista, viene prima di tutte le altre.
Contrariamente all'Ariete maschio, per cui la solidarietą maschile e il cameratismo sono naturali ed automatici, per la donna non si verifica la stessa cosa con le altre: c'č competizione, benevola quanto si vuole, ma pur sempre competizione. Lei non ha bisogno delle altre sebbene non le escluda completamente dalla propria vita e coltivi delle amicizie, ma č autonoma.

In realtą essa probabilmente risente piu' dell'uomo Ariete dell'influenza del terzo dei 3 pianeti: Plutone.
Plutone č quello meno maschile in senso appariscente ed č anche quello piu' disposto ad allearsi con la parte femminile dell'universo, avendo la propria sede primaria in un segno immerso nell'elemento femminile acquatico, dalla cui posizione nel gioco degli schemi planetari lancia trigoni ai due segni lunari di Cancro e Pesci.
La donna Ariete, con la sua apparenza per bene, con la sua rettitudine morale e la simpatia che genera spesso nel prossimo, č un'ottima candida a sfruttare i doni di Plutone. Sia in senso positivo che negativo.
La forza d'animo e la capacitą di risorgere sempre di cui dispone, uniti a una scarsa propensione a confidarsi (salvo pesanti lesioni di Mercurio nel tema) e un'ottima capacitą di celare i fatti propri, senza per forza mentire in maniera cattiva, possono essere considerati i risultati di quanto esposto sopra.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
L'ARIETE
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» 42 PAZZO (Ariete/Pesci)
» Rito per ariete
» COSMOS TAROT 2 ARIETE

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
NEVERENDING ASTROLOGIA :: FORUM ATTIVO :: MATERIE PRIME :: I SEGNI ZODIACALI-
Andare verso: